Trapani tour naturalistico

Se desiderate scoprire i luoghi naturalistici della provincia di Trapani, consigliamo ai nostri ospiti di noleggiare un’ auto per almeno 2 giorni, mentre alcuni siti sono visitabili anche con i mezzi pubblici.

La Riserva di Monte Cofano a circa 20 km da Trapani si può godere di un paesaggio insolito con la montagna di 700 metri che si erge sul mare. La Baia del Monte Cofano unisce alla possibilità di rilassarsi nella spiaggia anche angoli più rocciosi con scogli piatti. Per gli amanti del trekking consigliamo la passeggiata lungo la montagna che porta direttamente alla Baia di Macari. Lungo la costa si possono ammirare piccole grotte, un’antica torre saracena, una cappella e la tipica macchia mediterranea con le palmette nane. Merita di essere vista l’antica Grotta di Scurati con le tipiche casette in pietra dove vivevano gli abitanti del luogo fino a 50 anni fa e che oggi ospita il Museo antropologico. Nel periodo natalizio questa grotta diventa lo scenario del Presepe Vivente con più di 100 personaggi tra tipici artigiani siciliani a persone comuni che inscenano la Natività.

San Vito lo Capo – Riserva dello Zingaro

Facilmente raggiungibile anche in bus direttamente da Trapani oppure in auto nel caso in cui si volesse fare il tour della costa nord, San Vito lo Capo è una ridente cittadina di pescatori con un centro storico abbastanza vivo ed una lunga spiaggia sabbiosa. Merita di essere vista la vecchia tonnara per poi proseguire in direzione della Riserva Naturale Orientata dello Zingaro. Questa riserva si caratterizza per 3 sentieri, uno lungo la costa, uno collinare ed un altro montuoso più paesaggistico. Il sentiero lungo la costa è senza dubbio quello più interessante per la possibilità di apprezzare la tipica macchia mediterranea e combinare anche momenti di relax nelle acque cristalline ricche di pesci, saraghi e orate su tutti.

Castellammare del Golfo: raggiungibile in auto o con il bus. La cittadina di pescatori è considerato un bel presepe sul mare, grazie alla sua caratteristica di estendersi dalla montagna fino al mare. Le tipiche stradine con i vicoletti fanno da cornice al porto peschereccio che si anima di una miriade di attività commerciali. Al porto infine il Castello che merita di essere visitato per la collezione di reperti rupestri, archeologici e per l’inedita scala in pietra a vite di Archimede.

Scopello. Raggiungibile in bus da Castellammare o con la macchina. Si tratta di un piccolo paesino che si concentra nella piazza con il baglio siciliano ed è rinomato per il popolare “Pane Cunzato” con pomodoro, acciughe, formaggio primo sale, olio, origano uniti al pane caldo di forno a legna. Ma Scopello è anche mare con le sue spiagge di ciotoli e l’ingresso alla riserva dello Zingaro (già descritta prima).

Isole Egadi.

Proprio dal centro storico di Trapani zona porto, c’è l’ imbarco degli aliscafi/traghetti per le isole. Circa ogni ora puoi trovare il collegamento per raggiungere le isole oppure partecipare alle escursioni in barca con pranzo a bordo che partono direttamente da Trapani.

Favignana: L’isola ha forma di farfalla è piacevole da visitare noleggiando una bici od uno scooter. Il paesino è rinomato per la sua Tonnara oggi trasformata in Museo dove si può ammirare la storia della Mattanza. La costa invece è prevalentemente bassa e sabbiosa con le calette di Lido Burrone, Cala Azzurra, Cala Rossa, mentre diventa pù scogliosa nella zona del Previto, Cala Rotonda, Faraglione.

Levanzo:

Piccola e suggestiva è l’isola per chi vuole assaporare la natura, fuori dal turismo di massa. Dal paesino, villaggio di pescatori con casette bianche, si presentano 2 sentieri lato est ed ovest che conducono alle calette di Cala Minnola e Cala Fredda, piuttosto che al Faraglione e alle grotte preistoriche del Genovese con incisioni rupestri.

Marettimo:

La più selvaggia e la più lontana delle isole Egadi da Trapani, merita di essere visitata solamente con condizioni meteo marine ottime. Consigliamo infatti i tour in barca che partono dal porto di Trapani e che permettono di visitare il paese di Marettimo (1 ora e mezza di sosta in paese) per poi ritornare a bordo ed ammirare tutta la costa alta e frastagliata che nasconde grotte di medie e grandi dimensioni dove è piacevole fare il bagno e scoprire i ricchi fondali. Dopo il pranzo a bordo (antipasti rustici, pasta al pesto trapanese; frutta, acqua vino e frutta) si rientra Trapani in un’ora di navigazione